Formazione

Corso di primo soccorso

Anche quest’anno nel 42° dalla fondazione della Fraternità della Misericordia di Cagliari, l’associazione organizza un corso gratuito al fine di diffondere la cultura di primo intervento sanitario e del volontariato. Al termine del corso le persone potranno proporsi per seguire un percorso formativo più specifico al fine di diventare soccorritori in ambulanza.

I corsi, coordinati dal direttore sanitario dell’Associazione dr.ssa Valeria Nieddu, saranno tenuti da sanitari esperti in materia e hanno avuto inizio il 5 Giugno dalle 19 alle 21 nella sala della soc. Amministra in via Cardano 23 a Cagliari (trav. via Meucci pressi viale Marconi.

Calendario incontri:
– martedì 5 giugno – il primo soccorso (Dr.ssa Valeria Nieddu );
– venerdì 8 giugno – funzioni vitali (Dr.ssa Gabriella Gatto);
– martedì 12 giugno – traumi (Dr. Dino Perinu);
– venerdì 15 giugno – urgenze respiratorie (Dr. Claudio Lussu);
– martedì 19 giugno – politraumi (Dr. Dino Perinu)
– venerdì 22 giugno – urgenze cardiologiche (Dr. Patrizio Bina)
– martedì 26 giugno – urgenze neurologiche (Dr.ssa Michela Figorilli)
– venerdì 29 giugno – intossicazioni e avvelenamenti / urgenze ostetrico-ginecologiche (Dr.ssa Valeria Nieddu).

La Fraternità della Misericordia di Cagliari è un Associazione di volontariato tra le prime nate in città. Fondata nel 1976 è a tutt’oggi attiva nel campo sanitario (trasporti programmati e trasporti d’urgenza in Convenzione con il Sistema Regionale del 118), promozione del Primo Soccorso (Scuole, Associazioni, ecc …), Protezione Civile nel campo sanitario e delle comunicazioni di emergenza, prestito gratuito di ausili sanitari (sedie, stampelle, deambulatori). L’Associazione collabora anche con il Ministero di Grazia e Giustizia nelle attività di “messa alla prova” o “pena alternativa” per soggetti che richiedono la possibilità di svolgere un “lavoro di pubblica utilità” in alternativa alle pene detentive e/o pecuniarie, inoltre è attiva da numerosi anni nei Progetti di Servizio Civile Nazionale che hanno visto, e vedono tutt’oggi, coinvolti numerosi giovani.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *